È stato individuato il batterio che provoca il cattivo odore che le ascelle emanano una volta sudate. Si tratterebbe dello Staphylococcus hominis, presente tra i vari microorganismi che sono presenti nella zona delle ascelle.

A rivelare la scoperta, Daniel Bawdon e Gavin Thomas dell’università di York che ha parlato del problema delle ascelle maleodoranti sul quotidiano inglese The Indipendent. I tioli, composti organosolforosi che i batteri secernono quando ingeriscono il nostro sudore, rendono irrespirabile e insopportabile l’odore delle nostre ascelle.

Quando si inizia a sudare, infatti, l’odore emanato è simile a quello delle cipolle, della carne e anche dello zolfo. I ricercatori che si sono occupati di questo problema che affligge tante persone nel mondo, hanno studiato il gene che va a codificare le proteine responsabili della loro produzione. Hanno preso prima i batteri che sono situati sotto le ascelle per poi aggiungere le molecole inodore che si trovano nel sudore umano.

Come spiega Bawdon, “Le molecole inodore escono dall’ascella e interagiscono con il microbioma attivo, scomponendosi dentro i batteri”. Dunque, lo lo Staphylococcus hominis fa scaturire il cattivo odore delle ascelle. I prodotti attualmente in commercio, sia al supermercato che in farmacia, sono validi affinché venga contenuto l’odore cattivo delle ascelle, poiché impediscono ai batteri dell’ascella di produrre tioli, anziché eliminarli.

Cosa ne pensi? Lascia un commento