L’estratto di una pianta sarebbe molto più efficace dei cerotti alla nicotina per aiutare i fumatori a smettere di fumare.

Secondo i ricercatori, la cistina, un composto che viene utilizzato dagli europei dell’Est per aiutare i fumatori a smettere di fumare dal 1960, è molto più efficace di una terapia sostitutiva della nicotina.

I ricercatori hanno condotto un sondaggio su 1.310 fumatori per svolgere il loro studio. Per eseguirlo sono stati utilizzati compresse di cistina, cerotti alla nicotina, gomme o pastiglie contro il fumo.

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Università di Auckland ed è stato pubblicato in una pubblicazione medica internazionale, sul New England Journal of Medicine. La cistina viene estratto da una pianta la koelreuteria, ed è analoga al farmaco per smettere di fumare il Champix.

Risultati della ricerca

Dopo un mese dall’inizio delle ricerca è stato riscontrato che circa il 40% dei fumatori che stavano assumendo compresse di cistina aveva smesso di fumare, mentre solo il 31% dei fumatori, che utilizzava prodotti alla nicotina, aveva smesso di fumare.

Continuando nel test secondo le prescrizioni fornite, dopo due mesi gli scienziati hanno dimostrato che il ​​31% dei partecipanti che aveva utilizzato compresse di cistina aveva smesso di fumare, rispetto al 22% di coloro che avevano invece utilizzato prodotti sostitutivi della nicotina. Dopo sei mesi, la percentuale di chi era riuscito a smettere di fumare utilizzando compresse di cistina è risultata del 22% rispetto al 15% di coloro che facevano uso di altri prodotti a base di nicotina.

Tuttavia, sono stati riscontrati alcuni effetti collaterali associati con l’assunzione della cistina in alcuni partecipanti, come nausea e disturbi del sonno. Ma nonostante questi eventi avversi, l’80% dei volontari hanno approvato questo farmaco e lo consigliano ai loro amici.

Per il cervello, la cistina sembra un po’ come la nicotina, e quindi funziona per alleviare tutti gli stimoli del fumo e riduce la gravità dei sintomi derivanti dall’astinenza da nicotina“, ha detto il dottor Natalie Walker, uno dei ricercatori dell’Università di Auckland.

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento