E’ guerra a colpi di social tra Nina Moric e Belen Rodriguez.

L’origine dello scontro è presto tratta. Qualche giorno fa è comparso un post su Instagram, prontamente rimosso, della modella croata che recitava in questi termini: Belen era un cesso, sembrava un trans brutto”.

Un insulto in piena regola rivolto alla showgirl argentina, peraltro ex compagna di Fabrizio Corona, a sua volta ex marito della Moric.

Quest’ultima non sta vivendo un periodo facile ultimamente, sotto pressione tra la lotta per l’affidamento del figlio Carlos con Corona e problemi professionali.

Lo si evince soprattutto dalle ultime vicende che l’hanno coinvolta in prima persona via Instagram, social sul quale ha pubblicato, nei giorni scorsi, altri commenti al vetriolo, diretti, questa volta, a un follower disabile colpevole di averle inviato una sua foto con un’altra showgirl, nella fattispecie l’ex naufraga dell’Isola dei famosi Cristina Buccino.

Va detto che la stessa Moric si è scusata per l’accaduto, spiegando che il suo account sarebbe stato violato da un hacker e che, quindi, quei post non sarebbero opera sua.

Fatto sta che la replica di Belen Rodriguez non si è fatta attendere, in uno stile sobrio ed elegante, senza eccedere più di tanto: “Ragazzi tranquilli, quando una persona è molto delusa della propria vita, si arrabbia, penso sia anche normale, vive nel suo perenne malumore.

Tutto ciò fa covare della rabbia. È colpa del suo drastico squilibrio mentale. Colpa di tante cose, come per esempio grandissime frustrazioni lavorative, credere di essere chi non sei, delusioni enormi d’amore, situazioni familiari devastanti e tanto altro.

Fate caso alle sue folli parole, parla costantemente di lei, gli insulti non sono per noi, solo le sue stupide proiezioni su se stessa, come se si guardasse allo specchio e parlasse con il suo riflesso.

Spero con tutto il cuore che qualcuno possa davvero aiutarla”. Belen trans, Nina squilibrata. Gli insulti si sprecano. Tutto è partito da qui. Lo scontro continua. Social, sia chiaro!

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento