Da qualche ora spopola sul web la notizia che il 27 agosto Marte sarà visibile ad occhio nudo e apparirà grande come la Luna. Ma è tutto vero?

Ebbene no, sarà inutile aspettare in trepidante attesa il 27 agosto per poter ammirare questo spettacolo, dato che si tratta semplicemente di una bufala.

La notizia, che ha letteralmente invaso i social network, collezionando innumerevoli like e condivisioni, non è altro che un simpatico scherzo che circolava già dal 2003.

L’idea di inventare una storia simile è nata poichè, nella data del 27 agosto 2003, Marte aveva raggiunto la distanza dalla Terra più bassa degli ultimi 60 mila anni. Bassa si fa per dire, naturalmente, dato che si parlava pur sempre di oltre 55 milioni di kilomentri.

E proprio in quella data il pianeta rosso sarebbe effettivamente apparso grande quanto la Luna, ma non di certo ad occhio nudo. Per vedere Marte ingrandito a tal punto sarebbe stato necessario utilizzare un telescopio da 75 ingrandimenti.

Stando a quanto dice la bufala, inoltre, il presunto spettacolo del Marte “gigante” non si sarebbe verificato più se non nel 2287. Chi ha inventato questo scherzo non ha scelto quell’anno a caso.

Gli scienziati hanno infatti calcolato che proprio per quella data Marte sarà ancora più vicino alla Terra rispetto a quanto lo è stato nel 2003. E no, nemmeno in quel caso apparirà enorme ad occhio nudo.

Anche perchè, se mai il pianeta rosso si avvicinasse tanto alla Terra, questo significherebbe uno straordinario sconvolgimento delle orbite dei pianeti, dovuti all’influenza della forza di gravità di Marte. Insomma, se mai si verificasse un avvicinamento del pianeta, ce ne accorgeremmo con terrore, e non sarebbe certamente uno spettacolo tanto piacevole.

Chi ha condiviso inizialmente la bufala ha ammesso di averlo fatto per condurre un esperimento sociale. Dato che l’iniziale post su Facebook è stato condiviso oltre 40 mila volte, raggiungendo un pubblico di 550 mila utenti, si può facilmente intuire che sul social si pecca un po’ troppo di ingenuità.

Cosa ne pensi? Lascia un commento