Periodo nero per Hulk Hogan, celebre campione di wrestling 61enne.

Proprio qualche giorno da la WWE ha espresso, con un comunicato stampa, l’allontanamento di Hogan, tagliando di fatto tutti i ponti con il wrestler.

Le affermazioni della federazione sono state piuttosto vaghe, ribadendo semplicemente che la WWE accoglie persone di ogni provenienza, accettando le diversità di ognuno. Nonostante la mancanza di spiegazioni precise della World Wrestling Entertainment, appare però chiaro che alla base dell’allontanamento di Hogan c’è il tanto discusso caso di razzismo che lo ha visto protagonista.

 

Ben otto anni fa il wrestler, durante una conversazione con la sua allora amante, Heather Clem, si era aspramente lamentato del fidanzato della figlia, un ragazzo di colore che a quanto pare non andava particolarmente a genio al lottatore. Durante il dialogo, registrato, Terry Bollea, questo il vero nome di Hogan, avrebbe usato più volte la parola “nigger“, termine dispregiativo usato negli States  per indicare le persone di colore.

 

Hogan si era scusato per il suo inaccettabile comportamento, dicendosi deluso da se stesso. La WWE non ha però apprezzato alcune affermazioni del wrestler, che si era definito razzista, giustificandosi aggiungendo che, in fondo, siamo tutti razzisti. Sembra proprio che queste ultime frasi siamo state la goccia che ha fatto traboccare il vaso, causando la rottura fra la WWE e il lottatore.

 

Su Twitter Hogan ha pubblicato un suggestivo messaggio, in cui lascia intendere che sta accettando i fatti come avvengono, affidandosi alle mani di Dio.

 

E mentre alcuni fan di Hulk Hogan difendono il loro beniamino a spada tratta, tanto che sono stati ringraziati dallo stesso Hogan per il loro supporto, altri approfittano della situazione per prendersi gioco di lui. Alcuni utenti di Twitter, infatti, hanno creato messaggi volutamente ironici, con lo scopo di prendere in giro il wrestler che, a quanto pare, ha frainteso il messaggio, ri-twittando tutto indiscriminatamente.

Cosa ne pensi? Lascia un commento