The Flash. Un nome, un programma, pardon, una serie televisiva.

Siamo arrivati ormai alla 21ma puntata di questa saga che sta appassionando il pubblico televisivo.

Come in ogni serie che si rispetti, il colpo di scena è sempre dietro l’angolo. Ad esempio, nella scorsa puntata, ha riguardato il rapimento di Eddie da parte dell’uomo in giallo, che altri non è che Eobard Thawne, celato sotto le sembianze del dottor Wells con l’obiettivo di tornare nella sua epoca. Intanto martedì 9 giugno, come di consueto in prima serata, andrà in onda su Italia 1 l’episodio numero 21, che si intitolerà Grodd lives e nel quale tornerà il gorilla che il perfido scienziato nasconde nei sotterranei di Central City.

Ebbene sì. Il vero protagonista di questa puntata sarà proprio Grodd, un gorilla geneticamente modificato che abita nei sotterranei della città e che dispone di un’intelligenza artificiale straordinaria, in grado di tener testa persino al nostro eroe Flash. Grodd, fra l’altro, rapirà il detective West, patrigno di Barry, ma i nostri eroi faranno di tutto pur di liberarlo dalle grinfie di una creatura che è stata protagonista di una storia travagliata. Il gorilla in questione riuscirà a leggere nei pensieri delle persone, ma Barry troverà il modo per sconfiggerlo e tornare a concentrarsi su quello che è il suo vero obiettivo dichiarato, cioè la ricerca disperata di Eddie, ancora nelle mani dell’Anti Flash.

Durante una chiacchierata con Cisco e Caitlin nei laboratori STAR, inoltre, Barry finirà col farsi scoprire da Iris con addosso la tuta di The Flash e la ragazza finirà per rimanerci veramente male per non aver saputo prima la vera identità del suo migliore amico. La scoperta, inoltre, peggiorerà il rapporto fra i due fratellastri, inducendo Barry a scusarsi con la donna di cui è da sempre innamorato, che, però, non ne vorrà sapere di lui e continuerà la ricerca di Eddie, il suo fidanzato rapito dall’uomo in giallo. Per il resto, basta semplicemente sintonizzarsi su Italia 1. Veloci, o quasi, quanto The Flash.

Cosa ne pensi? Lascia un commento