Tanti amori nascono e finiscono. Altri continuano perché legati da un filo conduttore più profondo ed intimo.

E’ il caso della storia d’amore fra il calciatore Antonio Cassano e la sua  Carolina Marcialis, cominciata circa sette anni fa e più forte che mai. Una favola vera e propria, in un mondo spesso contraddistinto dall’ipocrisia e dalla falsità.

Perché l’amore, quelle vero, esiste ancora. Che fortuna. E’ ancora in grado di far cambiare le persone e di migliorarle in tutti i sensi. Antonio Cassano era una testa calda, una volta. Lui stesso adesso si definisce una persona ed un compagno migliore; ecco allora che non perde occasione per ribadire che l’incontro con la sua anima gemella gli ha rivoluzionato la vita in tutti i sensi. Lo ha ammesso lo stesso Cassano nel corso di un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello sport.

Questo quanto rivelato: “Che fosse lei la donna della mia vita l’ho capito quando mi ha fatto aspettare un mese e mezzo prima di darmi un bacio a stampo, ma forse non me l’aveva ancora dato e avevo già capito che con lei avrei fatto dei figli. Mi piacciono troppo i bambini: per ora sono due, io ne voglio altri due o tre, infatti siamo sempre al lavoro. Di donne ne ho avute tante nella mia vita. Sono stato malato di sesso. Carolina è stata anche la mia dottoressa perché mi ha fatto guarire da questa ossessione.

Prima stavo più o meno con tutte: da 1 a 10, il voto alla prestazione se volevo era 10 abbondante. E con questo intendo che pensavo anche a lei e non solo a me, dunque la cosa durava due o tre ore. Così fu la mia prima volta, ad esempio, a 14 anni, non ricordo il suo nome e neanche la faccia: rapporto completo di circa un minuto e mezzo, anche perché ci eravamo chiusi dentro uno sgabuzzino e c’era una puzza da vomitare“. Quando l’amore cambia le persone. Dall’arrivo di Carolina allora tutto è cambiato per il nostro Cassano. C’è sesso, ma soprattutto amore.

Cosa ne pensi? Lascia un commento