Una storia che ha dell’incredibile, quella vissuta da una mamma e un figlio separati ingiustamente proprio nel giorno in cui le loro vite si sono incrociate per la prima volta.

Travis Tolliver, infatti, è stato sottratto alla madre appena nato, per essere dato in adozione a una famiglia straniera. Il ragazzo si è sempre chiesto chi fosse la madre biologica, ora 61enne e, dopo approfondite ricerche, ha ritrovato il genitore.

Al tempo alla 19enne Nelly Reyes fu detto che il suo bambino non era sopravvissuto al parto, a causa di una grave malformazione. In realtà, la donna era stata privata del suo bambino da parte dello staff dell’ospedale cileno, che ha affidato il bimbo a genitori adottivi.

La donna non ricevette mai un certificato di morte e il corpicino da seppellire: riprese la sua vita, cercando di dimenticare il dolore legato alla perdita del suo bambino. In realtà, il giovane, ora 41enne, è stato cresciuto da una famiglia americana.

Fu sottratto alla madre e divenne un “bambino del silenzio” come tanti altri bambini cileni rubati alle madri non sposate.  “Ho iniziato a cercare in internet come riuscire a trovare mi madre biologica – ha rivelato Travis – mi sono rivolto a un sito che si occupava di adozioni, ho fornito tutti i dati che avevano a disposizione e in un mese sono risalti al nome della donna che mi ha messo al mondo”.

adozione-mamma-cilena

Travis e a madre Nelly si incontrano dopo due 41 anni.

Cosa ne pensi? Lascia un commento