Il gustoso siparietto tra Giulia Innocenzi e lo scrittore Mauro Corona è stato senz’altro uno dei momenti più divertenti della settimana televisiva.

La prima puntata di Announo condotto dalla Innocenzi era imperniata sulla tematica degli allevamenti abusivi di animali, riproponendo la vecchia diatriba tra animalisti e consumatori di carne.

Nella trasmissione era stato invitato a partecipare in collegamento esterno, lo scrittore Mauro Corona il quale indispettito per la poca considerazione riservata dalla conduttrice, l’ha apostrofata malamente mandandola a quel paese e chiudendo il collegamento polemicamente tra le invettive che hanno lasciato sbigottito il pubblico presente: “Cosa vuole che dica? Avete parlato finora di maiali, io sto facendo la figura del pollo.

Mi avete invitato, ma non posso fare un discorso. Allora cedo la parola, parlate voi. Non si può maltrattare uno e non farlo parlare. Non si può sviluppare un discorso. Vi cedo volentieri la parola, voi, i vostri maiali e pollastri. E vi prego la prossima volta non venitemi più a scocciare.

Sono da otto ore qui in posa senza poter parlare. Vi saluto perché mi sono rotto i cogli0ni, non mi fate parlare. Vi saluto, buona pace e buoni maiali a tutti voi. Cosa volete che dica? Non c’è un filo! Non posso seguire un filo del discorso! Di cosa devo parlare adesso? Vi prego di non invitarmi più”.

La Innocenzi si è da subito scusata con Corona, ma lo scrittore non ha voluto sentire ragioni chiudendo il collegamento, con il commento ironico di Di Pietro, che a denti stretti avrebbe sussurrato alla Innocenzi: “Lascia stare, non c’ha un caxxo da dire”.

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento