Il popolare e amatissimo attore toscano, Francesco Nuti, compie 60 anni. Attore e regista di pellicole di grande successo come Tutta colpa del Paradiso, io Chiara e lo scuro, lo Spaccone, Casablanca Casablanca, Caruso Paskowsky di padre polacco, Willy Signori e il signor Quindicipalle, ha conosciuto negli anni ’90 l’apice della celebrità diventando uno dei registi di maggior successo e vero mattatore dei botteghini per diversi anni.

Nato a Prato il 17 maggio del 1955, Francesco Nuti ha trascorsi gli anni recenti della propria vita sulla sedia a rotelle a causa di un incidente accaduto nella propria casa romana, nei giorni di preparazione dell’ultimo film. In preda all’alcol, l’attore di Prato, cadde rovinosamente dalle scale urtando il capo violentemente. Operato per un edema cerebrale riuscì miracolosamente a sopravvivere ma perse l’uso delle gambe.

L’attore dai turbolenti trascorsi di una vita costantemente minacciata da una depressione invalidante e dal vizio dell’alcol, è stato costretto ad abbandonare l’attività cinematografica per diversi anni. L’allontanamento dal mondo dello spettacolo, poi il ritorno in video nella criticatissima trasmissione di Barbara D’Urso che venne poi chiusa con intento punitivo per la spettacolarizzazione della sofferenza dell’artista toscano, che in quella puntata mostrò al pubblico il proprio dramma e il ritorno nell’agosto del 2014 con lo spettacolo teatrale “Francesco Nuti – Andata, caduta e ritorno” per la regia del romano Valerio Groppa, tratto dalla biografia “Sono un bravo ragazzo” scritta dallo stesso Nuti e curata dal fratello e interpretata dal cantautore pratese Nicola Pecci.

Dalla caduta alla grande voglia di rivalsa, per tornare a mostrare in pubblico il proprio desiderio di tornare a vivere a 60 anni suonati dopo una carriera di allori e le tribolazioni di una cattiva gestione del successo e i tormenti della sfera privata del regista. Da parte nostra tutto l’augurio che i 60 anni possano portare la gioia e la serenità che Francesco Nuti merita.

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento