Scheletri nell’armadio. A quanto pare, Robbie Williams e consorte ne hanno parecchi. Ayda Field finisce sotto accusa.

La querela subìta dai coniugi Williams ad opera dell’ex assistente personale della popstar è piuttosto pesante. Alla base ci sarebbero molestie sessuali perpetrate dalla moglie del cantante. Gilles De Bonfilhs, l’assistente licenziato lo scorso gennaio, avrebbe rivelato delle vere e proprie avances fatte dalla Field all’uomo, girando seminuda per casa e tenendo altri comportamenti piuttosto imbarazzanti.

La coppia respinge le accuse in tal senso. Secondo De Bonfilhs, che ha 57 anni ed è stato dipendente di Robbie Williams per un breve periodo, l’attrice Ayda Field gli avrebbe raccontato particolari piccanti della sua vita sessuale con il marito e chiesto di fare altrettanto. La signora, nuda o quasi, avrebbe anche chiesto all’uomo pareri sul suo corpo. I fatti risalirebbero al periodo in cui l’ex Take That viveva a Los Angeles, per cui la querela è stata presentata al tribunale locale.

Questa la confessione dell’ex dipendente: “Subivo continue umiliazioni, stress emotivo e forte imbarazzo. Ho perso il lavoro per non essermi prestato alle richieste della signora”. Robbie Williams ha commentato la vicenda attraverso il suo portavoce: “Le accuse sono del tutto prive di consistenza.

Provengono da un ex dipendente scontento perché è stato licenziato per condotta gravemente scorretta. Ogni accusa sarà smontata e non faremo ulteriori commenti sulla vicenda, di cui si stanno già occupando gli avvocati”. Grattacapo legale in vista. Robbie Williams ed Ayda Field sapranno come difendersi. Le disponibilità non mancano.

Cosa ne pensi? Lascia un commento