Fare pipì sulle piante per renderle più floride e rigogliose. Questa la “tecnica” utilizzata dal ministro dei Trasporti indiano, Nitin Gadkari.

Una pratica, di certo, non comune e che farebbe inorridire qualsiasi botanico o esperto della cura delle piante, ma che per il ministro indiano rappresenta un metodo infallibile per rendere le proprie piante belle e forti. Urinare sulle piante, dunque, è il consiglio che dà il ministro indiano a tutti i giardinieri e gli aspiranti tali.

Gadkari raccoglie la sua pipì in un apposito contenitore per poi usarla sulle piante. Ecco quanto ha dichiarato l’uomo che ha dichiarato di aver iniziato a  “raccogliere la mia urina in un contenitore da 50 litri nella residenza ufficiale di New Delhi.  Poi ho chiesto al giardiniere di innaffiare con la pipì alcune piante e con acqua altre. I risultati sono stati impressionanti con le prime che sono cresciute almeno una volta e mezzo più delle altre”.

L’esperimento che Gadkari mette in atto sulle sue piante fa storcere sicuramente il naso a chi legge e non è avvezzo a tale pratica, ma secondo lui, l’urina è ricca di sostanze nutritive, come i nitrogeni e l’urea, che sarebbero salutari per le piante.

Le sue idee, ovviamente, hanno suscitato curiosità e critiche sui vari social network e su Twitter, sul quale si cinguetta sul topic con l’hashtag #GadkariLeaks.

Cosa ne pensi? Lascia un commento