Teddy ha vissuto solo 100 minuti della sua brevissima vita. Il piccolo, infatti, si è spento tra le braccia dei suoi genitori troppo presto. Non è riuscito ad affacciarsi al mondo ed è diventato, per volere dei suoi, il più giovane donatore di organi al mondo.

Il fatto ha avuto luogo in Gran Bretagna. A raccontare la storia il tabloid inglese Mirror. L’espianto è avvenuto a Cardiff, nel Galles. Il trapianto è stato eseguito invece a Leeds, in Inghilterra, dove i reni hanno ridato speranza a un paziente adulto.  “Ha vissuto ed è morto come un eroe, è impossibile spiegare quanto siamo fieri di lui”, ha detto al Daily Mirror il padre del piccolo, Mike Houlston.

Insieme alla moglie, l’uomo ha voluto dare un senso a una tragedia che di certo non avrebbero mai voluto affrontare. La donna era incinta di due gemelli, ma uno di loro non era sopravvissuto in fase di gestazione, l’altro, invece, era affetto da una malformazione cerebrale, un’anencefalia. “La nostra anima era distrutta”, ha raccontato la donna, ma “abbiamo pensato che se anche avessimo potuto avere anche solo un momento con lui, 10 minuti o un’ora, sarebbe stato il tempo più prezioso della nostra vita“.

Pertanto, prima di dargli l’addio definitivo, marito e moglie hanno acconsentito all’espianto degli organi.

Cosa ne pensi? Lascia un commento