La vittoria di ieri sera allo Juventus Stadium ha galvanizzato non poco l’ambiente bianconero. C’è ottimismo in vista del ritorno di Champions a Montecarlo, previsto per la prossima settimana.

Il piccolo, ma prezioso, vantaggio acquisito nella gara di andata è un ulteriore iniezione di fiducia. Intanto, una delle colonne portanti di questa JuventusGianluigi Buffon, ha voluto dedicare il successo conseguito in campo a due persone che non ci sono più, vale a dire Piermario Morosini, il calciatore morto sul campo da gioco di Pescara per una crisi cardiaca nell’aprile 2012 e Fabrizio Quattrocchi, una guardia sicurezza privata deceduta in circostanze diverse. Era stato rapito in Iraq nel 2004 e poi ucciso.

Ebbene, il commento toccante di Buffon in merito è riportato di seguito:

“Loro sono sempre nel mio cuore. Le difficoltà a questi livelli ci sono sempre perché le squadre sono tutte di livello. Noi ce le siamo create da soli, sbagliando in fase di disimpegno e offrendo loro troppe occasioni in contropiede. Ma poi abbiamo meritato la vittoria sul Monaco. Non ho mai detto di voler smettere a 40 anni. Io mi sento bene e smetterò solo quando mi renderò conto di non essere più me stesso. Ma ora non mi sembra proprio che sia così, sarebbe davvero uno spreco”.

Cosa ne pensi? Lascia un commento