Dopo 51 anni di distacco, Jimmy Hayes ritrova la donna che gli ha fatto battere il cuore per la prima volta, Maria Kelligar, ora 67 anni. L’uomo, 69 anni, non ha mai dimeticato il suo primo amore.

Dopo tanti anni, i due si sono incontrati da giovanissimi, quando lui aveva appena 18 ani e lei 16. Le loro strade si sono divise, dopo aver vissuto una storia d’amore intensa e romantica. Dopo 51 anni, però, i due si sono incontrati di nuovo e sono ritornati insieme. La loro storia d’amore era iniziata nel 1957, quando si conobbero in una salderia, in Irlanda. Al tempo, Jimmy lavorava come operaio e si invaghisce di Maria, una ragazza bruna dagli occhi azzurri che lo stregano. La ragazza lavorava come cassiera alla mensa.

L’uomo ricorda ancora il primo appuntamento con Maria. Nonostante la sua timidezza riesce a strapparle un appuntamento:  “Quello è stato il nostro primo appuntamento. E così è iniziato il corteggiamento. Siamo andati a ballare e al cinema e alla fine ci siamo innamorati“. 

Jimmy si trasferisce a Oxford per questioni di lavoro nel 1959, mentre Maria inizia a lavorare nell’hotel della zia a Liverpool. Portare avanti una storia a distanza è difficile, ma si sa, la gelosia può far allontanare le persone e così è successo anche per questa coppia, che nonostante la distanza, pare riuscisse a portare avanti il rapporto:”La storia a distanza all’inizio è andata bene – continua – ma poi a causa della mia gelosia ci siamo lasciati“. 

Jimmy si è sposato con un’altra donna e ha avuto tre figli, per poi divorziare nel 1995. Successivamente ha avuto una seconda moglie, ma è rimasto vedovo. Anche Maria si è sposata ed ha avuto cinque figli, rimanendo vedova nel 2009.  Dopo la morte del marito, Maria racconta ai suoi figli la storia d’amore vissuta con Jimmy e di come lei non l’abbia mai dimenticato. Pertanto, ha pensato di rintracciare l’uomo: “Appena ci siamo visti – finisce Jimmy – ci siamo riconosciuti e ora dopo 51 anni di separazione siamo di nuovo insieme e torneremo a vivere in Irlanda. Un miracolo“.

Cosa ne pensi? Lascia un commento