Voleva godersi pienamente l’eclissi di Sole di oggi e, pertanto, Jakub Moravec, 37 anni, si è diretto in Norvegia per guardare il fenomeno naturale. L’uomo, però, non aveva fatto i conti col contesto selvaggio che lo circondava: Moravec, infatti, è stato attaccato da un orso polare.

Il fatto si è svolto nelle isole Svalbard, in Norvegia. Jakub, con altri cinque turisti, si era accampato nell’arcipelago artico per osservare l’eclissi solare. In questi posti, naturalmente incantati, si trovano i punti su terra ferra sui quali, appunto, si osservano al 100% questo tipo di fenomeno.

I piani, però, sono stati sconvolti da un grosso orso polare bianco che lo ha aggredito nella tenda in cui si era alloggiato. Momenti davvero drammatici e difficili, che nessuno di noi vorrebbe vivere. Eppure, l’animale si è scagliato contro l’uomo e avrebbe potuto ucciderlo. Come ha raccontato Jakub, “L’animale mi è saltato sulla testa. Mi sono difeso con le braccia, cercando di salvare la pelle“.  Un membro del gruppo che era partito con lui, si è accorto del pericolo e, pertanto, ha imbracciato un fucile e ha ucciso l’animale per salvare Jakub.

Jakub è stato trasportato all’ospedale più vicino: i medici hanno riscontrato graffi e ferite su tutto il corpo, ma l’uomo ora sta bene e, fortunatamente, non rischia la vita. Circa 2,000 persone hanno scelto queste isole norvegesi per osservare l’eclissi di Sole 2015, in quanto le zone del nord Europa, dalla Groenlanda all’Islanda, fino alla Norvegia sono posti ideali per osservare i fenomeni naturali, poiché privi di luci artificiali e interferenze tipiche dell’ambiente urbano e cittadino.

Fortunatamente, tutto bene quel che finisce bene: Jakub Moravec se l’è cavata solo con qualche escoriazione.

Cosa ne pensi? Lascia un commento