Dormi molto? Al risveglio, dunque, avrai maggior voglia di fare sesso. Secondo uno studio condotto dall’Università del Michigan, ci sarebbe una stretta correlazione tra il sesso e le ore che dedichiamo al riposo.

Dedicare molte ore al sonno, infatti, incrementerebbe la libido. Questo è quanto emerge dalla ricerca americana, pubblicata sul Journal of Sexual Medicine. La libido, dunque, aumenterebbe del 14% ad ogni ora aggiuntiva dedicata al mondo dei sogni. Gli scienziati, che hanno condotto questo studio, sono arrivati a tale conclusione, analizzando le abitudini di 171 studentesse frequentanti i college statunitensi. A queste ragazze, sono stati somministrati dei questionari ogni 24 ore, per un periodo di due settimane.

VOGLIA DI SESSO E ORE DI SONNO, CHE CORRELAZIONE ESISTE?

L’incremento della libido si è maggiormente riscontrato nelle ragazze che avevano una storia d’amore stabile e il nesso tra le ore di riposo e l’aumento della libido si è mostrato veritiero, a prescindere dall’umore del soggetto analizzato, ma anche al di là del ciclo mestruale e dall’età biologica.

Alle ragazze che dormivano di più, infatti, è stata riscontrata una lubrificazione vaginale maggiormente accentuata. David Kalmbach, autore di questo particolare studio, ha dichiarato in merito che “L’influenza del sonno sul desiderio sessuale e l’eccitazione ha ricevuto poca attenzione finora ma i risultati indicano che il sonno insufficiente può ridurre il desiderio sessuale e l’eccitazione nelle donne. Penso che il messaggio da portare a casa non dovrebbe essere che in generale più sonno è meglio, ma che è importante concederci un numero adeguato di ore di riposo, quelle di cui il nostro fisico e la nostra mente hanno bisogno“.

PER GLI UOMINI VALE LO STESSO DISCORSO?

Pare che i risultati di questo sutdio possano essere estesi anche ai soggetti maschi, poiché dormire poco, infatti, riduce il testosterone e, quindi, il desiderio sessuale negli esponenti dell’universo maschile. A confermarlo, un altro studio condotto, invece, dalla Chicago University.

Cosa ne pensi? Lascia un commento