Ha spento proprio oggi ben 70 candeline il cantante della musica italiana Bobby Solo e lo fa con “Meravigliosa la vita” il suo ultimo album nel quale sono presenti anche 9 inediti, tre dei quali firmati Mogol e quattro nuove versioni dei suoi grandi classici.

Dal ciuffo particolarmente imbrillantinato, alle unghie smaltate e lo stile particolarmente eccentrico Bobby solo ha attraversato gli anni 70 e 80 con grande maestria.

Lui stesso ha commentato che non gli importa di compiere 70 anni, durante un’intervista di alcuni giorni fa condotta da Roberto Scatti, Bobby Solo ha poi raccontato diversi aneddoti legati alla vita del cantante di successo, aneddoti che lo hanno visto protagonista come il particolare nome assegnatogli.

Al momento di stipulare il primo contratto con la Dischi Ricordi, il direttore propone il nome “Bobby” tralasciando il cognome in rispetto al padre, ma la segretaria che insistendo per sapere il cognome, gli verrà suggerito di lasciare solamente il nome, e dal fraintendimento prenderà vita il nome di Bobby Solo.

Numerose le esibizioni anche a Sanremo, e numerosi anche i successi legati al cantante “Se piangi se ridi”, ma anche “Gelosia” o “Una lacrima sul viso” e “Non c’è più niente da fare” tutte canzoni che ricordano il repertorio storico del cantante.

Cosa ne pensi? Lascia un commento