Dopo 19 anni, Natasha Rose Chenier conosce il suo padre biologico. La giovane scrittrice 24enne non aveva mai incontrato il genitore, poiché la madre l’aveva concepita da un rapporto occasionale non protetto.

La madre di Natasha, dopo aver scoperto di aspettare una bambina, aveva già perso i contatti con l’uomo con il quale aveva fatto sesso in maniera del tutto occasionale. A 19 anni, però, la ragazza ha incontrato suo padre, dopo un’infanzia difficile e turbolenta. Ciò che è accaduto dopo quell’incontro, ha cambiato di nuovo la vita della 24enne.

Come lei stessa spiega, “Il mio vero padre biologico ha mostrato voglia di fare sesso con me sin dal primo momento che ha messo gli occhi su di me“, queste le parole della giovane, rilasciate in un’intervista al sito Jezebel.com. I due vivevano lontano l’uno dall’altro: Natasha in Canada, lui in Jamaica. Fu proprio Natasha a riavvicinarsi al padre, andando a trovarlo nel suo paese. Una volta arrivata a casa del padre, quest’ultimo tentò subito un approccio sessuale, mettendo un porno all TV. Lei non ebbe una buona reazione e si arrabbiò. Dopo un primo tentennamento, Natasha ebbe un rapporto orale col padre: “Dopo averlo fatto provavo un sensio di odio per me stessa, andavo in bagno a vomitare“. Nonostante i sensi di colpa, la giovane ebbe un rapporto sessuale con il genitore ritrovato. Dopo questi episodi, la ragazza è stata diversi anni in terapia, passando anni ad auto flaggellarsi.

Cosa ne pensi? Lascia un commento