Il rischio di avere malattie mentali aumenta del 24% se si fuma cannabis potente. È quanto emerge da un recente studio condotto dal King’s College di Londra.

Tra le malattie mentali maggiormente insorgibili ci sono il disturbo bipolare e la schizofrenia. La ricerca è stata condotta su un campione di 410 paziendi di un ospedale psichiatrico. L’età oscillava dai 18 ai 65 anni. Questi pazienti erano affetti da psicosi. È stato preso, poi, in considerazione un altro gruppo di pazienti, precisamente composto da 370 soggetti sani. Il rischio di contrarre queste malattie di tipo mentale aumenta, secondo gli esperti, facendo uso quotidiano dello skunk.

GLI EFFETTI DELLO SKUNK

Il nostro punto di partenza è stato che le persone che fumano cannabis sono un po’ strane comunque, ma alla fine abbiamo scoperto un rapporto di causa-effetto tra l’uso di cannabis pesante e la malattia mentale“. La skunk, inoltre, sarebbe più potente dell’hashish, anche se quest’ultimo stupefacente non è meno rischiosa della prima.

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento