Stava fumando una sigaretta insieme agli amici ma, ad un tratto, si è accasciato ed è morto. Dopo l’accaduto, la famiglia ha preparato i funerali, durante i quali, però, l’uomo si è risvegliato, tornando in vita e lasciando tutti senza parole. Il fatto si è svolto nella provincia cinese orentale di Hubei e ha coinvolto Guo Liu, un uomo di 45 anni.

La vicenda, riportata da Metro, ha sconvolto anche i medici che avevano constatato la morte fisica del paziente. Liu era un fumatore incallito, che arrivava a consumare anche due pacchetti di sigarette al giorno. Trasportato in ambulanza e posto in terapia intensiva, dopo tre mesi i dottori lo hanno dichiarato morto.

Durante i funerali, all’atto della chiusura della bara, i familiari si sono accorti che dagli occhi dell’uomo scendevano delle lacrime: infatti, Liu era ancora in vita. Pertanto, il 43enne è stato trasportato nuovamente in terapia intensiva e tenuto in osservazione. Ora l’uomo è guarito. I medici non si spiegano come un fatto del genere sia potuto accadere e si impegneranno anche per capire quali danni cerebrali l’uomo abbia avuto.

Cosa ne pensi? Lascia un commento