Sciopero Amazon GermaniaAlcuni membri del personale dei magazzini di Amazon in Germania ha iniziato un nuovo sciopero di tre giorni per mettere in evidenza le loro richieste per una migliore retribuzione e per condizioni di lavoro migliori. Mettendo in difficoltà il rivenditore online che potrebbe avere difficoltà nel garantire che gli ordini di Natale siano consegnati in tempo.

Amazon, rischio sotto Natale

I sindacati dei lavoratori hanno detto di aver avuto almeno 2.000 lavoratori aderenti allo sciopero all’interno di cinque dei nove centri di distribuzione Amazon in Germania e che l’azione di protesta potrebbe essere estesa ad altri centri. Gli scioperi sono impostati per arrivare fino alla fine del turno di notte di mercoledì. I sindacati hanno confermato che i ritardi nelle consegne non possono essere esclusi a causa degli scioperi. Amazon ha detto che i clienti possono ordinare fino a mezzanotte del 21 dicembre per ottenere i regali in tempo per Natale o anche il 23 dicembre o 24 qualora paghino per la consegna espressa. “La consegna è affidabile“, ha detto un portavoce di Amazon, aggiungendo che solo una piccola minoranza di lavoratori si era unito gli scioperi, con circa 19.000 dipendenti che lavoravano normalmente.

Il colosso Amazon

Lo scorso anno gli ordini di Amazon in Germania hanno raggiunto il picco il 15 dicembre, quando i clienti hanno acquistato 4,6 milioni articoli, 53 al secondo. I sindacati hanno organizzato scioperi frequenti in Amazon fin dal maggio 2013 cercando di costringere Amazon a retribuire i propri lavoratori presso i suoi centri di distribuzione in conformità con gli accordi collettivi in corrispondenza con tutta la Germania e con tutto il settore retail. Amazon ha ripetutamente respinto le richieste del sindacato, dicendo che il personale del magazzino, come lavoratori della logistica, ricevono retribuzioni superiori alla media per gli standard di tale settore. La società statunitense conta quasi 10.000 dipendenti nel proprio magazzino in Germania ed è il suo mercato secondo più grande dopo gli Stati Uniti, con più di 10.000 lavoratori stagionali.

Cosa ne pensi? Lascia un commento