Colpo gobbo Victoria Secret

Un uomo residente ad Iowa City, nello stato dell’Iowa, è accusato di aver chiesto ad alcune donne degli Stati Uniti d’America di posare con degli indumenti marchiati Victoria Secret e di inviare poi le foto in biancheria intima in una sorta di gioco perverso, almeno secondo gli inquirenti a stelle e strisce.

Sondaggi per Victoria Secret

La polizia ha detto che Sean Boies, 29 anni, ha utilizzato un sistema di phishing per ottenere gli ID e le password degli studenti dell’Università dell’Iowa e ha poi utilizzato queste informazioni per creare un profilo su Qualtrics, una piattaforma di sondaggio web-based con la quale ha creato dei sondaggi che avrebbe poi inviato a delle studentesse.

Falso servizio fotografico per Victoria Secret 

In un sondaggio inviato lo scorso gennaio Boies ha affermato di rappresentare una società di lingerie legata a Victoria Secret e avrebbe chiesto alle donne interessate di caricare foto di se stesse con i loro reggiseni e le loro mutandine nella speranza di essere chiamate a Miami per un servizio fotografico. Due donne avrebbero presentato le loro foto, come ha fatto sapere l’Associated Press.

Carta regalo Victoria Secret incriminata

La polizia ha detto che Boies ha ammesso di aver creato il sondaggio appositamente per ricevere immagini da parte delle donne. Egli ha anche ammesso l’invio di una seconda indagine a marzo promettendo una carta regalo segreta da 25 dollari di Victoria Secret in cambio di informazioni. Boies avrebbe ammesso alla polizia di non aver mai inviato le carte regalo, cosa che non gli ha evitato di essere accusato di furto di identità e l’accesso non autorizzato a computer. Boies è stato incarcerato e poi rilasciato dal carcere di Johnson County.

Il retailer Victoria Secret

Il famoso retailer di biancheria intima Victoria Secret non ha commentato la notizia e pare che possa a breve condannare il gesto di Boies. Naturalmente il marchio di lingerie non utilizza questo tipo di modalità di sondaggio per cercare modelle che possa portare i propri indumenti moda. 

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento