Nel giorno in cui la Camera approva la Legge di Stabilità con cui si dovrebbe dare respiro alla nostra economia, si torna a parlare di decremento del PIL: per la precisione nel terzo semestre del 2014 si è registrato un -0,1%, addirittura dello 0,5% se rapportato allo stesso periodo del 2013, e le previsioni annunciano che tra le due annate la differenza totale sarà un -0,4%. Piazza Affari non è rimasta intonsa dalla notizia perdendo un 1,7 punti percentuali.

Nelle voci di bilancio le mancanze di introiti più incisive sono state nel settore industriale con una diminuzione dello 0,6% e ancor più gravi sono state le perdite di geometri, architetti e ingegneri del settore edile sotto dell’1,1%. Ridottissime le perdite nei settori del primario e del terziario, limitate all’0,1%. Gli investimenti hanno perso ben un punto percentuale rispetto lo scorso anno.

Non sono solo i dati dell’entrate delle imprese a segnare numeri in rosso, ma anche i consumi nonostante le delle famiglie italiane spendano uno 0,1% in più le pubbliche amministrazioni hanno diminuite le loro uscite dello 0,3%. La contrazione totale degli ultimi 3 anni è del 10,7%, e nel trimestre in oggetto non ha avuto movimenti. Inoltre si fa sentire il rincaro dei beni principali, che porta l’inflazione ad un aumento dello 0,6%, sui cui si fanno pesantemente sentire l’innalzamento dei prezzi di frutta e verdura, giustificato secondo la Coldiretti dalla pessima annata. Continuano invece a diminuire i prezzi dei carburanti: rispettivamente del 3,3% la benzina verde e del 2,6% il diesel.

 “Il Paese continua ad andare male, gli indicatori sono sempre negativi. Bisogna rilanciare assolutamente sviluppo e occupazione”, queste le parole di Annamaria Furlan, leader Cisl riguardo i numeri elencati, e punta il dito sulle leggi fatte finora indicando che “bisogna ripartire dagli aspetti infrastrutturali”. Durante l’odierno sciopero il segretario generale rivendica anche il rinnovo dei contratti delle PA.

Andrea Zampini

Cosa ne pensi? Lascia un commento