Android 5.0 Lollipop sta per arrivare. Google ha già provveduto a dare l’annuncio ufficiale del nuovo sistema operativo che sarà disponibili prima su tutti i dispositivi della famiglia Nexus. Solo in seguito infatti sarà disponibile anche su Gpe e sugli Android One. Cresce però la curiosità degli utenti sul nuovo sistema operativo, sulle sue caratteristiche e su quali dispositivi potrà essere scaricato l’aggiornamento.

 

Android 5.0 Lollipop arriverà prima sul Nexus 6

Il nuovo sistema operativo mobile di Google sarà disponibile prima di tutto sul Nexus 6. In effetti la Motorola ha già provveduto a rendere noto di essere al lavoro proprio sul nuovo aggiornamento. Tra gli altri smartphone proprietari troviamo impegnati con l’aggiornamento anche Sony, HTC, NVIDIA e OnePlus.  Saranno gli stessi produttori però ad annunciare con il passare del tempo quali sono i loro piani per il rilascia del nuovo sistema operativo mobile di Google.  Fino ad oggi solo LG e Samsung non hanno ancora annunciati i loro piani per il rilascio dei nuovi dispositivi con il nuovo sistema operativo.

 

Android 5.0 Lollipop, elenco dispositivi per l’aggiornamento

L’aggiornamento ad Android 5.0 Lollipop sarà disponibile sui seguenti dispositivi: Nexus 4, Nexus 5, Nexus 7 (2012 e 2013), Nexus 10, HTC One (M7) GPe,  HTC One (M8) GPe, Samsung Galaxy S4 GPe, Moto G GPe, Sony Z Ultra GPe, LG G Pad 8.3 GPe, Micromax Canvas A1 (Android One), Spice Dream UNO (Android One), Karbonn Sparkle V (Android One), Moto X, Moto X (seconda generazione), Moto G , Moto G 4G LTE, Moto G (seconda generazione), Moto E, Droid Ultra, Droid Maxx, Droid Mini, Xperia Z, Xperia ZL, Xperia ZR, Xperia Z, Xperia Zs, Xperia Z Ultra, Xperia Z Compact, Xperia Z2, Xperia Z3 Tablet, Xperia Z3, Xperia Z3v, Xperia Z3 Compact, Xperia Z3 Tablet Compact, One (M8) (gennaio/febbraio), One (M7) , One E8, Butterfly 2, Desire EY, One mini, One mini 2, Desire 816, One Max, Butterfly S, OnePlus, OnePlus One

Rosa D’Ettore

22/10/2014

Android 5.0 Lollipop

Android 5.0 Lollipop

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento