La notizia circolava già da diverso tempo ma, ora il diretto interessato l’ ha ufficializzata: Montezemolo, dopo 23 anni, lascia la Ferrari. Ad annunciarlo è stato lui stesso in una conferenza stampa organizzata per l’ occasione.montezemoloLe parole di Montezemolo sono rivolte al futuro, dicendosi convinto che la Ferrari entrerà in un nuovo ciclo che sfocerà in vittorie per la scuderia di Maranello. Montezemolo lascerà la Ferrari nelle sapienti mani di Marchionne che, dopo aver dato nuova vita alla Fiat, proverà a riportare la Ferrari agli antichi fasti.

L’ ex presidente del cavallino si è detto orgoglioso del fatto che la sua ex azienda, nel momento della quotazione a Wall Street, si presenterà da protagonista. La Ferrari, dunque, sta per entrare in una nuova era, moderna, l’ era della quotazione in borsa, abbandonando i crismi dell’ azienda familiare, fondata dall’ uomo che le ha dato il nome, Enzo Ferrari. Sono lontani i tempi in cui, proprio Enzo Ferrari, scelse Montezemolo, avendolo ascoltato parlare di automobili e di Ferrari durante una trasmissione radiofonica. Probabilmente questa nuova era è poco adatta anche ad un uomo come Montezemolo. Il suo intervento termina ricordando un campione come Michael Schumacher che ha reso possibili tante vittorie.

Durante la conferenza stampa, terminata pochi minuti fa, è stato presentato anche Marchionne come nuovo presidente. Il nuovo presidente ha rilasciato solo alcune dichiarazioni riguardanti la possibile integrazione di Fiat – Chrysler con Ferrari, escludendo a priori questa ipotesi perchè, secondo Marchionne, la Ferrari deve essere lasciata al di fuori di una politica di mercato a basso costo, in sostanza la Ferrari è un bene di lusso e tale dovrà rimanere, inoltre ha detto di reputare oscena la possibilità che la Ferrari possa essere costruita all’ estero. Inoltre ha voluto aggiungere che lui reputa fondamentale l’ aspetto sportivo per la crescita del brand e quindi impegnerà tutte le sue forze per riportare la scuderia di Maranello a vincere il mondiale di Formula 1.

Cosa ne pensi? Lascia un commento