Bravo, bravissimo, sublime: su Twitter, si sprecano i complimenti per il Gianni Morandi Live in Arena di Canale 5. Ma a ringalluzzire il cantante sono soprattutto gli ascolti: la prima puntata del suo show evento – piatto forte della stagione autunnale Mediaset – ha registrato lunedì sera quasi 6 milioni di spettatori sfiorando il 24% di share (5,8 milioni e il 23,9%). Un ottimo risultato anche se, come alcuni hanno fatto notare, è inferiore a quello registrato, l’anno scorso, da Adriano Celentano: con il suo Rock Economy il Moleggiato aveva infranto il muro degli 8 milioni di spettatori. Tuttavia bisogna considerare il differente «potere di chiamata alla visione» dei due cantanti: le apparizioni in tv di Celentano sono talmente rare, che seguire un suo show è come partecipare a un miracolo su scala mondiale. Mentre Morandi, tra i due Sanremo e le svariate ospitate, rischiava la sovraesposizione. Tant’è vero che, all’epoca dell’annuncio del suo show, svariati addetti ai lavori erano scettici nel catalogare come «evento» un suo programma. Non solo. Con Adriano, lo show canoro si contamina velocemente con il programma politico, mentre da Morandi è solo puro intrattenimento: si imbraccia la chitarra e via, una canzone tira l’altra. Il successo, insomma, non era poi così scontato. Invece c’è stato. Anzi. Canale 5 è riuscita, per la prima volta, a dare la polvere a Il Commissario Montalbano. Finora, infatti, la fiction di Rai Uno aveva macellato brutalmente la concorrenza, persino quando, come in questo caso, andava in replica. Ieri, però, la sorte si è ribaltata: la puntata La pazienza del ragno si ferma a 5,6 milioni (21,3%). Analizzando le curve di ascolto, si nota un testa a testa tra i due titoli nella prima parte, fino all’entrata del super ospite Fiorello: con lui, la partita finisce e l’ascolto di Morandi tocca il picco di 7,2 milioni (26,8% alle ore 22.24). Buona anche la resa di Raffaella Carrà che, ospite con il suo caschetto giallo, fa registrare il 28% di share. Sul finale di Montalbano, Rai Uno recupera terreno ma una volta conclusa la serie, Morandi schizza al 33%, e tanti saluti a Rai Uno. Quanto al resto della programmazione, il servizio pubblico ha prudenzialmente sospeso la puntata di Pechino Express su Rai Due, sostituendolo con il telefilm Ncis (2,1 milioni il primo episodio; 2milioni il secondo). Il canale si vede però superare da Italia 1 che con il film L’incredibile Hulk appassiona 2,5milioni di spettatori (9,5%). Dal canto suo, Rai sottolinea sportivamente la buona tenuta dell’ammiraglia pubblica rispetto al grande evento di Canale 5, anche se, nonostante l’annuncio di Giancarlo Leone Montalbano non ha ottenuto i risultati sperati. Nel pomeriggio di domenica infatti il direttore di RaiUno aveva preventivamente twittato: «Dopo La pazienza del ragno dovremo pazientare due anni per rivedere il commissario su @RaiUno. Domani si chiude un ciclo di successo». Ma, stando ai rumors, dal 2014 dovrebbe partire la nuova stagione de Il giovane commissario Montalbano.

Cosa ne pensi? Lascia un commento