I dissidenti del Pdl sono traditori a tutti gli effetti, ma non solo: anche Silvio Berlusconi ne esce come un traditore. Vediamo perché. E partiamo da un dettaglio minore: martedì sera, a Matrix, Fabrizio Cicchitto mi ha tacciato addirittura di «barbarie» (era appena stato a Ballarò a litigare con Sallusti) solo perché avevo detto che parlare di «dissenso politico» e non essenzialmente di «tradimento» era un confondere le cause con gli effetti, nel senso che ufficialmente si tradisce sempre perché c’è un dissenso politico – ovvio -ma un dissenso politico all’occorrenza c’è sempre, c’è tutte le volte, c’era, per dire, anche tra Claudio Martelli e Bettino Craxi nel 1993. Tradire con un motivo o con un pretesto non è la stessa cosa, certo, il che non toglie che i tradimenti esistono e che si chiamano così, non bisogna avere paura delle parole. Il tradimento, in politica, è un esercizio che può anche essere ordinario, fisiologico, addirittura grandioso: a fare la differenza è il percorso di chi tradisce, è la sofferenza intellettuale di chi lo fa per approdare a una faticosa liberazione. Volendo tornare sulla Terra, però, dobbiamo anche considerare che specie di partito fosse il Pdl: una monarchia assoluta in cui la parola del capo, per motivi pacificamente accettati, non è mai stata messa seriamente in discussione: e chi l’ha fatto con modalità pur differenziate – Follini, Fini, Casini,Tremonti oggi non è propriamente al centro della scena. Una monarchia in cui – non si vorrà negarlo – non c’erano serie dinamiche, discussioni, confronti, proposte, polemiche, e non parliamo di congressi, riunioni o delle famose primarie. Una monarchia in cui, insomma, gli eletti erano dei miracolati del capo, con rarissime eccezioni. Ecco perché «tradimento» non solo pare un termine appropriato, ma, data la nobiltà che il termine porta con sé, in qualche caso pare anche generoso. I topi che abbandonano la nave che affonda, dopo aver meramente squittito per anni, non sono traditori: sono topi. Sono roditori che hanno vissuto all’om – bra del formaggio e della monarchia, ben felici di farlo: nella loro biografia non troverete nulla che possa suonare come un timido distinguo rispetto alle deliberazioni reali. Non so se, come si dice, la servitù è sempre la prima a tradire: so che le dignitose storie personali di taluni -penso a Giovanardi, allo stesso Cicchitto, ma certo non solo a loro – si contano sulle dita delle mani di un monco, quindi l’aura da grande momento politico che molti giornali hanno dipinto, ergendo a eroi anche dei personaggi che avevano sempre descritto come il peggio, è parsa quantomeno ridicola e in ogni caso molto italiana. Detto questo, però, ecco: anche Berlusconi è un traditore dei suoi, anche Berlusconi si è rivelato un ingannatore dei fedelissimi che per amore o per forza, per convinzione o martirio, avevano deciso di obbedirgli magari anche a prezzo di qualche dolore personale, di un tormento umano che sarebbe stato anche normale e comprensibile. Sempre a Matrix, martedì sera, durante una pausa pubblicitaria, c’è stato un momento tra Gasparri e Cicchitto che è stato quasi commovente: bene o male stavano sulla stessa barricata da una ventina d’anni, ne avevano viste e condivise tante, e sono due che alla soldataglia dei topi non li ascriverebbe nessuno. Tra i cosiddetti falchi, in queste ore, non ci sarà stata solo una cieca e acritica obbedienza: forse c’è gente che ha dormito male la notte, che ha rotto delle amicizie, che ha semplicemente pensato, che si è davvero e realmente convinta che la fiducia a Letta non andasse votata, stop. Ciò posto, Berlusconi invece che ha fatto? All’ultimo istante ha rovesciato il tavolo. Completamente. Ha cambiato idea. Completamente. Scriveva domenica: «L’unica via è andare convinti verso le elezioni il più presto possibile, tutti i sondaggi ci dicono che vinceremo». Ora non è più l’unica via, e forse i sondaggi dicono un’altra cosa. Se Berlusconi avesse davvero deciso all’ultimo, non saremmo più nell’ottica dell’istinto e del colpo di genio: ma della schizofrenia. E se invece – come pare più probabile – il suo fosse stato un calcolo diabolico, una messa in scena per ripulire il partito e allontanare la sua decadenza da senatore, gettando oltretutto il Pd in un comprensibile panico, beh, i vari falchi avrebbero ogni ragione di sentirsi degli imbecilli, dei burattini. Al punto che i pochissimi che hanno deciso ugualmente di non votare la fiducia – tra questi Bondi, Nitto Palma, Minzolini, Mussolini e altri assenti o non votanti – a questo punto ne escono come dei monumenti di consonanza: dei coerenti tutti d’un pezzo, impallinati – anzi, traditi – da una retromarcia berlusconiana che a sua volta sarà difficile da ricucire. È questa l’unica fiducia che ha rischiato di svanire, ieri.

Cosa ne pensi? Lascia un commento