Coniugheremo le disponibilità economiche con le nostre idee e con quelle di Conte, che intende rimanere», ha detto Marotta a “Radio anch’io sport”. L’a.d. bianconero conferma che «la voglia di vincere di Conte è la stessa che ha la società. Noi abbiamo però costruito un modello tutto nostro, basato sul lavoro collettivo e non sul top player. Siamo ancora la squadra più prolifica e la meno battuta del campionato, questo significa che il collettivo prevale sul singolo. Il Bayern Monaco è un modello difficilmente raggiungibile nel breve, anche perché lì c’è una società fortissima alle spalle, con un budget doppio rispetto al nostro». Conte promuove Higuain Ma pur senza stravolgere la politica dell’era Andrea Agnelli, là davanti si va a caccia di qualità. Certo, prima bisogna vendere bene, è necessario per completare l’opera di rinnovamento pretesa da Conte. Sul mercato ci sono già i vari Matri, Quagliarella, uno fra Giovinco e Vucinic, Lichtsteiner, De Ceglie e Marrone. Senza dimenticare almeno uno dei gioiellini in prestito o comproprietà: fra questi, Immobile, Gabbiadini e Boakye. Si punta a ottenere il giusto tesoretto per dare l’assalto a Higuain per esempio, pista ormai concretissima: il Real Madrid chiede non meno di 25 milioni, la Juventus punta a uno sconto. I club (gli spagnoli sono rappresentati da Bronzetti) ne riparleranno la prossima settimana, ma il contatto è caldissimo. Conte, nel frattempo, ha dato il pieno consenso. Parallelamente, viene constantemente monitorata la situazione di Ibrahimovic, per il quale bisogna però attendere che si chiarisca la questione tecnica del Paris Saint Germain. L’affare decolla solo se il costo del cartellino non andrà oltre gli 8-10 milioni. Oltre a un centravanti puro, arriverà una seconda punta. Nel mirino ci sono soprattutto Jovetic e Sanchez, appena dietro l’altro gioiellino della Fiorentina, AdemLjajic, il cui contratto scade nel 2014. I vertici bianconeri hanno recentemente parlato con il procuratore di Jovetic e Ljajic. Per Jo-Jo, i Della Valle continuano a chiedere non meno di 30 milioni in contanti, mentre la Juve vorrebbe lavorare sulla trattativa con l’inserimento di almeno una contropartita tecnica. Sul fronte Sanchez, Marotta si è già messo in lista d’attesa: se il Barça vende, la Juve sarà immediatamente interpellata. Sempre sotto osservazione, infine, la pista Robben. La new entry Tornando alle prime punte, sul taccuino di Marotta e Paratici è comparso Jackson Martínez, 26enne centravanti colombiano arrivato al Porto subito dopo la cessione di Falcao. Segna un gol a partita, ha fisico, tecnica e personalità di spessore internazionale. E’ sul mercato. Servono circa 28 milioni di euro. Non ha il nome dei top player più celebrati, ma gli esperti lo mettono sullo stesso livello dei fenomeni del momento, Falcao compreso

Cosa ne pensi? Lascia un commento