La puntata di stasera 30 aprile di Ballarò non poteva non affrontare il tema del nuovo governo, affidato a Enrico Letta che, dopo il discorso di ieri alla Camera, attende oggi la fiducia del Senato.

Insieme agli ospiti in studio, Giovanni Floris analizzerà dunque l’ennesimo nuovo scenario politico italiano partendo da un quesito che potrebbe essere fondamentale in ottica futura: gli italiani si fidano del governo Letta?

Troppe le cose successe nell’ultimo periodo, con il rischio che gli italiani abbiano perso anche quel briciolo di speranza che nutrivano nei confronti della classe politica italiana. Si ripartirà allora dal discorso che Enrico Letta ha fatto alla Camera, incentrato su quelli che possono essere definiti temi scottanti: lavoro che non c’è, economia che fatica moltissimo a riprendersi, costi della politica troppo elevati, giovani senza la speranza di un futuro. Temi tristemente di attualità ormai da troppo tempo: quali soluzioni? Da dove ripartire? Questi i quesiti che Ballarò cercherà si snocciolare nella puntata di stasera.

Gli ospiti della puntata di stasera di Ballarò saranno Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, Michael Spence, premio Nobel per l’economia, Luciano Canfora, filologo e storico. E ancora ci sarà Guglielmo Epifani del PD, Giulio Anselmi, presidente dell’Ansa e della Fieg, Peter Gomez, direttore de Il fatto e Bruno Manfellotto, direttore de L’Espresso. Non mancherà poi Nando Pagnoncelli, presidente dell’Istituto Ipsos che mostrerà i risultati dei sondaggi effettuati tra la popolazione nell’ultima settimana. In apertura di puntata non mancherà neppure la copertina satirica di Maurizio Crozza.

La stagione televisiva di Ballarò sta infilando un successo dietro l’altro con ascolti altissimi nonostante, quello di Giovanni Floris, non sia un programma propriamente destinato ad un target molto ampio. L’ultima puntata del 23 aprile scorso, per esempio, ha registrato 4 milioni e 994.000mila spettatori, per uno share totale del 18.62%. Un risultato ottimo, per quello che può essere definito un programma di nicchia.

Cosa ne pensi? Lascia un commento