In Italia 7,4 milioni di pensionati vivono potendo contare su assegni inferiori ai mille euro. Si tratta del 44,1% dell’intero universo dei pensionati. E tra loro 2,2 milioni percepiscono meno di 500 euro. La radiografia condotta dall’Istat, assieme all’Inps, aggiorna i dati sul 2011, confermando che per quasi la metà dei pensionati i redditi si fermano a 999 euro. Un tetto giudicato troppo basso dai sindacati. Il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, chiede «un abbattimento fiscale», mentre il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera,ammette come il pignoramento di stipendi e pensioni sia un problema «serio». Un budget magro quindi, che si assottiglia ancora di più guardando alle donne. Le pensionate prendono il 30% in meno degli uomini, con il 53,4% di loro, ovvero 4,7 milioni, che va avanti con assegni sotto i mille euro. Nonostante ciò la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche nel 2011 sfiora i 266 miliardi di euro, in aumento del 2,9%. E la sua incidenza sul Pil sale al 16,85%. Una crescita che l’istituto di statistica spiega con l’aumento dell’importo medio (+3,2%), «a fronte di una lieve riduzione del numero dei trattamenti erogati». Il report conta in un anno 38 mila pensionati in meno, mentre è naturale che i nuovi assegni pesino un po’ di più di quelli avviati tempo fa e cessati nel 2011. Dietro le medie si nasconde un Paese spaccato, con forti differenze territoriali e di genere. Guardando alle diverse regioni, ancora una volta è al Nord che si concentra circa la metà delle prestazioni, mentre nel Mezzogiorno la quota scende a un terzo. Nel 2011 è ancora ampia la distanza che divide donne e uomini: le pensionate percepiscono quasi 5 mila 800 euro in meno l’anno. Sul fronte età l’Istat fa notare come la stragrande maggioranza dei pensionati abbia più di 64 anni, tuttavia «una quota consistente», il 27,8%,ha un’età inferiore. In questi casi si parla soprattutto di rendite per infortunio e malattia professionale, così come di pensioni di invalidità, anche se non manca una quota riferita alla vecchiaia. Riguardo ai diversi tipi di assegni, l’Istat precisa come il gruppo più numeroso sia composto da titolari di pensioni di vecchiaia (11,6 mln); seguono i beneficiari di rendite da superstiti (4,5 mln) e d’invalidità civile (2,6 mln). Ancora meno sono i titolari di pensioni indennitarie, sociali e di guerra. I sindacati dei pensionati suonanol’allarme. Tutti quanti (Cgil, Cisl, Uil, Ugl) chiedono di rivalutare subito le pensioni, adeguandole al costo della vita. ». La Cia-Confederazione italiana agricoltori descrive una situazione difficilissima nelle campagne, «con 7 pensionati su 10 vicini alla soglia di povertà », sulla stessa linea la Coldiretti. Invece la Cgia di Mestre calcola che, con un «importo medio mensile lordo per beneficiario di oltre 3.500 euro, gli ex dipendenti del settore del volo sono i pensionati Inps più ricchi d’Italia».

Cosa ne pensi? Lascia un commento