Nei vecchi titoli, cose del genere erano lì solo per il piacere della scoperta, ma ora sono connesse a sfide da completare e ricompense da ricevere. sono da 30 a 40 differenti cosa da fare e da spuntare dalla lista, dalle uccisioni particolari alle armi recuperate, dagli abiti indossati ad altre cose come non essere visti, e così via. Lidea è davvero ben fatta, perché sarete liberi di scegliere. Potete ignorare la lista, usarla per assicurarvi di non perdere le parti migliori o fare follie per sbloccare e trovare tutto. Il completamento di questi obiettivi vi permetterà di migliorare le abilità dell’Agente 47, e controllando le opzioni, potreste anche scoprire un elemento non scoperto che vi farà venire voglia di tornare indietro. Scusate, cos’è che posso fare con lo scheletro di una balena?! Il signore degli assassini Absolution, come i vecchi giochi, può sembrare un semplice sparatutto stealth ai non iniziati, vedendo il protagonista che si muove nell’ombra e che usa i travestimenti per non farsi scoprire dalle guardie (e poi talvolta si spara a tutti, perché i giardinieri non sono ammessi in cucina, ovviamente). Nel profondo però, è più un puzzle game. Ci sono percorsi da imparare, pattuglie a cui adeguarsi nelle tempistiche e cose che si scoprono solo dopo un paio di partite. I livelli non sono fatti per essere conclusi e dimenticati: devono essere capiti, padroneggiati e sviscerati. Quanto più giocate, tanto più scoprirete e tanto più il gioco diventerà bello. Considerate il tutorial, per esempio. Potete facilmente raggiungere l’obiettivo furtivamente, sparando o strangolando, ma lungo la strada noterete pillole sedative che aspettano di finire dentro tazze di caffè e tapparelle che si possono alzare per distrarre le guardie. O ancora, il coperchio di un pianoforte al quale potete levare il supporto; calciandolo al momento giusto, fareste parecchio male a chiunque si avvicinasse. Il tutorial da solo contiene tanti elementi nascosti da tenervi impegnati per un intero pomeriggio. Nei vecchi titoli, cose del genere erano lì solo peril piacere della scoperta, ma ora sono connesse a sfide da completare e ricompense da ricevere. Per ogni livello ci sono da 30 a 40 differenti cosa da fare e da spuntare dalla lista, dalle uccisioni particolari alle armi recuperate, dagli abiti indossati ad altre cose come non essere visti, e così via. Lidea è davvero ben fatta, perché sarete liberi di scegliere. Potete ignorare la lista, usarla per assicurarvi di non perdere le parti migliori o fare follie per sbloccare e trovare tutto. Il completamento di questi obiettivi vi permetterà di migliorare le abilità dell’Agente 47, e controllando le opzioni, potreste anche scoprire un elemento non scoperto che vi farà venire voglia di tornare indietro. Scusate, cos’è che posso fare con lo scheletro di una balena?! Omicidi a scelta Particolarmente gratificante è il fatto che nessuna scelta è per forza “quella giusta”.