Un’opzione di configurazione che Microsoft ha modificato radicalmente è la configurazione dello Startup. Nelle precedenti versioni di Windows per impostare quali applicazioni dovevano essere lanciate all’avvio bisognava entrare nell’utilità Msconfig e non era operazione per tutti. Ora, in Windows 8, potete selezionare quali applicazioni aprire direttamente all’avvio grazie alla nuova scheda Startup presente in Task Manager, che potete lanciare facilmente dal menu Start semplificato. Così come in Windows 7 è presente la barra delle applicazioni dove potete aggiungere scorciatoie esattamente come siete abituati a fare ora. Alcune configurazioni di personalizzazione sono invece meno ovvie. Un esempio riguarda i giochi che potete comprare dal servizio Steam Donwload di Valve Software. Quando installate un gioco scaricato da Steam, la procedura vi chiede se volete creare una scorciatoia sul desktop. Ma quella scorciatoia non è un collegamento all’applicazione, è di fatto un URL che rimanda alla cartella Steamapps locale dove il gioco è installato. Se cliccate con il tasto destro una scorciatoia URL, non troverete nessuna opzione che vi consenta di aggiungere l’App alla schermata Start. Al contrario, dovete copiare la scorciatoia nella cartella del menu Start (sì, la cartella è chiamata “Menu Sart” ) che generalmente si trova a questo percorso: C:Usersuser folder AppDataRoamingMicrosoftWindowsStart Menu. Anche la personalizzazione del desktop è disponibile, a parte per la già citata mancanza del menu Start. Miglioramenti Grafici Quasi tutta la funzionalità del desktop e della schermata Start, ora si basa sull’accelerazione del processore grafico del computer. Molti dei sottosistemi di Windows 8 usano le DirectX API. HTML5 E SVG (scalable vector graphics) dipendono anche dall’accelerazione della GPU, sotto forma di rendering avanzato della geometria 2D. Le applicazioni dicono a Direct2D cosa disegnare in forma di oggetti 2D, come cerchi e rettangoli e ulteriori caratteristiche come colore e stile. L’API converte le istruzioni in un formato supportato da Direct3D che passa le istruzioni alla GPU. Come risultato le normali finestre del desktop dovrebbero avere prestazioni migliori. Inoltre, Microsoft ha aggiunto una nuova interfaccia di programmazione, Direct-Text, che scarica il rendering del testo alla GPU generando un aumento delle prestazioni nei programmi desktop e nelle app di Windows 8 che può arrivare fino a più del doppio rispetto al rendering del testo in Windows 7 Perché allora Microsoft ha eliminato le trasparenze e gli altri effetti 3D che usava in precedenti versioni del sistema operativo, per ritornare alle finestre piatte? Probabilmente perché Direct2D e Direct3D funzioneranno anche con Windows RT e Windows Phone 8 e la rimozione dei vari fronzoli uniformerà le prestazioni su tutte le piattaforme. Archiviazione e File di sistema Windows 8 presenta un nuovo file di sistema chiamato ReFS (Resiliend File System). È compatibile con la maggior parte delle caratteristiche NTFS e, come suggerisce il nome, aggiunge caratteristiche che migliorano l’integrità dei dati lasciandone per strada alcune. Quelle abbandonate comprendono il sistema di crittografia integrato BitLocker (presente a sé stante nella versione Pro), la compressione e i nomi dei file corti in formato 8.3. La novità di ReFS consiste nel miglioramento della verifica dei dati e nell’auto correzione: ReFS, infatti, scansiona continuamente il file system, comprendendo anche i file più vecchi e meno usati, per assicurare che non siano diventati corrotti, riparando i cluster danneggiati e spostando i dati se necessario. Notate comunque che ReFS funziona solo su dischi secondari e non sui dischi di avvio pertanto il vostro disco di avvio sarà ancora NFTS. Se vi trovate nella spiacevole situazione di dovere reinstallare il sistema operativo, sarete felici di sapere che ora l’operazione è molto più facile. Infatti, Windows 8 fornisce livelli multipli di riparazione del sistema. L’opzione “Reset” cancella completamente il disco fisso e reinstalla Windows da zero. Potete usare questa opzione per far tornare il vostro computer allo stato in cui era al momento dell’acquisto, senza il bisogno di una nuova chiave di Windows o un disco di setup.