Nintendo ha confermato la data di partenza della Wii U nel mercato giapponese . Il lancio della console è prorogato fino al 8 dicembreIl prezzo? 31.500 o 26.250 ¥ a seconda del modello, vale a dire circa 313 € per cambiare la situazione potrebbe scendere a 260 € , se non hanno optato per il pacchetto Premium.Attraverso la diretta Nintendo ha conosciuto le più recenti informazioni su la nuova console Nintendo. Il colosso giapponese ha svelato le prestazioni tecniche ed ha annunciato la data di rilascio e prezzo per il pubblico giapponese, un aspetto di grande interesse in quanto ci permette di calcolare i soldi che dobbiamo pagare per entrare in possesso di console di alta qualità.Con sorpresa di tutti, la console non sarà sul  mercato fino al giorno 8 dicembre . Escluso dal lancio nel mese di novembre, data preferita maggior parte degli esperti e gli analisti dalla scena. Inoltre, la piattaforma avrà un costo di ¥ 31.500 , se si acquisisce il modello Premium e 26.260 ¥, se ci concentriamo sulla versione normale. In conversione diretta fatta, senza arrotondamento, parlare di un hardware molto competitivo, il suo prezzo che vanno da 313 € a 260 € circa. Non male, vero?La differenza tra i due modelli è la sua capacità di stoccaggio , che sarà32GB versione per Premium e 8GB per il modello regolare . Naturalmente, dovremo schede SD per espandere la capacità.Inoltre, il prezzo del Wii U ProController saranno 5.040 ¥ , circa 50 dollari o giù di lì. Un controllo per il giocatore tradizionale, confermata, sarà disponibile dal primo giorno di uscita.

Tuttavia, dobbiamo aspettare 16 ore per confermare il rilascio e la data finale per il territorio europeo . Naturalmente, una cosa è ormai chiara: non venire prima di dicembre. In ogni caso, ci piace sapere che un aspetto fondamentale della console avrà un prezzo, vicino ai 300 € .

The Big N non vuole ripetere gli errori del passato e Wii U si prepara a competere con un prezzo interessante , i dettagli che attirano l’attenzione di un numero di giocatori. Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi? Lascia un commento