Mentre IO Interactive svelava l’ultimo pezzo del puzzle di Absolution, il desiderio dei fan di Hitman di scoprire dettagli su una modalità multiplayer era talmente forte da poterlo quasi toccare. Quello che ci è stato presentato è però qualcosa di diverso dalla solito co-op online ed è l’innovazione più furba e ben concepita che la mente umana avrebbe potuto immaginare. Si chiama modalità Contract e il protagonista è… rullo di tamburi… voi. In realtà voi, la vostra immaginazione malata e la potenza creativa di chiunque si metta a giocare con le morti stealth di Absolution. Perché, come in un LittleBigPlanet mortale, è tutto basato sui contenuti generati dagli utenti. Liberi di liberi da In un gioco in cui tutti intorno a voi sono potenziali obiettivi, le sfide tra amici sono state una costante fin dal primo gioco: “Scommetto che non riesci a uccidere quel cuoco con un lanciarazzi vestito da pollo e senza farti beccare”. Ora queste folli missioni potranno essere progettate nel gioco e condivise con utenti in ogni parte nel mondo. Levatevi dalla testa quella folle idea da “troll” di pubblicare solo sfide praticamente impossibili da portare a termine, perché potranno essere create solo giocando. Diciamo, per esempio, che volete creare un Contratto in cui il giocatore deve uccidere due poliziotti in un ordine particolare, con il costume classico dell’Agente 47 senza essere visti e nascondendo entrambi i cadaveri. Quindi, nella modalità creation, dovete uccidere due poliziotti in un particolare ordine, vestiti da Agente 47, senza essere visti e nascondendo i cadaveri. Giocate il livello seguendo le vostre regole ed ecco che avrete creato un Contratto con cui sfidare altri utenti. Il modo in cui avete portato a termine il livello diventerà il modo per portare a termine il livello con il punteggio più alto. Geniale! Innanzitutto non usando il level editor, IO sa già che nessuno creerà missioni impossibili e che nessuno potrà sfruttare scorciatoie per barare. Non importa quanto frustrante, indisponente o violento un Contratto vi sembrerà, sarà risolvibile perché il creatore l’ha dovuto risolvere per primo. In seconda battuta, il gioco sfrutta la fantastica Intelligenza Artificiale del gioco. Ogni personaggio è in grado di reagire a un evento in moltissimi modi e le reazioni non sono limitate a certe tipologie. Non solo quindi tutti sono potenziali obiettivi, ma sono anche tutti potenziali testimoni, quindi, a seconda di dove vi troverete e del modo in cui porterete a termine la missione, la situazione si svolgerà diversamente. Da ultimo, permette di produrre molti livelli di difficoltà. A seconda dell’obiettivo che sceglierete e delle condizioni che stabilirete, potrete produrre contenuti per chiunque, dal pivello a Leon, l’assassino. Morto dalle risate Per esempio, durante il nostro hands-on a Chinatown, i due Contratti che abbiamo sperimentato erano molto diversi in fatto di difficoltà per un piccolo particolare. Nella versione facile dovevamo uccidere un poliziotto che comodamente si infilava in un vicolo dove noi lo seguivamo, gli rompevamo il collo e buttavamo il suo cadavere in un cassonetto, e dovevamo poi eliminare il famigerato signore della droga King (bastava distrarre la guardia e usare una pistola silenziata). Nella modalità difficile c’era un altro poliziotto da eliminare. Questo, però, era in mezzo alla piazza circondato da molti potenziali testimoni e colleghi armati. Inutile dire che stavolta ci siamo trovati a dover eliminare praticamente tutti quelli che si trovavano nella piazza con un fucile d’assalto. Ops. Sono questi piccoli cambiamenti che possono trasformare radicalmente un Contratto e non c’è dubbio che, una volta che il gioco uscirà, tutto questo non sarà che una bazzecola per i giocatori esperti. Per fortuna, a prescindere da quanto maldestri riuscirete a essere, verrete ricompensati con del denaro da spendere per nuove armi, nuovi costumi e migliorie. Ovviamente, i soldi aumentano se riuscirete a seguire i passi del creatore in termini di tempo/costume/stealth/ quellochecapita. In ogni Contratto possono esserci tre obiettivi al massimo quindi la situazione non può complicarsi più di tanto, ma mescolando gli elementi base, le possibilità sono praticamente infinite. Questo significa che anche Absolution di per sé è praticamente infinito. Non si tratta di un creatore di livelli, perché le location e i personaggi con cui interagire sono quelli presenti nel gioco, ma le possibilità di combinazione sono talmente tante che ci vorrà un po’ prima di esaurirle tutte. E i fan sicuramente le sfrutteranno al massimo: Hitman ha sempre avuto una solida fanbase, con una nutrita frangia di perfezionisti. Ebbene, ecco la vostra occasione. E se sarete bravi, potrete anche diventare uno dei cinque Contratti su cui si costruiranno le leaderboard e le sfide settimanali. IO ha detto che i Contratti contribuiranno alla longevità di Hitman dando anche vita a un maggior senso di coesione nella community. Lo sviluppatore poi è a caccia dell’assassino “definitivo”. La caccia non comincerà prima del 20 novembre, data di uscita ufficiale, ma i Contratti sono tra gli elementi che ci fanno pensare di dover smettere di cercare il gioco sugli assassini definitivo.

Cosa ne pensi? Lascia un commento