Esistono poche cose più eccitanti, e proficue, dell’entrare in competizione all’interno dell’industria dei videogiochi. Microsoft lo ha fatto senza dubbio all’E3 con Nintendo e Wii U, con l’introduzione dello SmartGlass, un’applicazione che permette a smartphone e tablet di interagire direttamente con la 360. “La gente interagisce con la TV [attraverso smartphone e tablet] nelle loro case”, spiega Peter Orullian di Microsoft, parlando a venturebeat.com. “Li usano per la TV diretta, per i social network, per le console di gioco”. Naturalmente, i giocatori sono eccitati dallo SmartGlass, e lo vedono come una risposta a Nintendo Wii U, ma Microsoft si sta anche attrezzando contro la minaccia Apple. “Microsoft riconosce che Apple è qui, e sta prendendo il gaming dannatamente sul serio”, dice Peter Molyneux parlando a GameIndustry.biz. Secondo Molyneux, l’industria ha smesso di rinnovarsi con la connettività. “E ci sono molti buchi che le persone intelligenti come Apple si offriranno di riempire più facilmente, più piacevolmente, con giochi più accessibili”. Detto questo, Microsoft ha mostrato alcune interessanti applicazioni per lo SmartGlass: nel gioco action Ascend: New Gods mostra le statistiche dei mostri e le mappe, mentre giochi come Dance Central 4 e Madden NFL usano i dispositivi mobili come selettori delle canzoni o per selezionare gli schemi. Ma è solo la punta dell’iceberg. “Credo che la cosa più eccitante dello SmartGlass”, ha detto Robert Bowling, presidente di Robotoki, a venturebeat.com, “sia che gli sviluppatori possono usare questo schermo extra per fornire tasti extra e altre opzioni che i normali controller non hanno”. L’imminente gioco per XBLA Home Run Stars permette ai giocatori di usare lo SmartGlass per lanciare in combinazione con il Kinect. Molte di queste possibilità sono state presentate da Nintendo come uniche su Wii U, ed è facile pensare che la perdita di questa unicità possa colpire in modo molto duro le vendite della console. Ma lo SmartGlass potrebbe non essere così benefico come sembra. Nonostante la loro proliferazione, non tutti vorranno usare i dispositivi mobili per giocare. Proprio come per il Kinect, la troppa dipendenza dallo SmartGlass nei giochi potrebbe diventare una barriera. Ma Molyneux afferma che ci sia un pericolo più grande. “Una cosa fondamentale che è vera per tutti gli hardware, ma doppiamente vera per lo Smart Glass”, spiega, “è che ha bisogno di applicazioni che lo supportino alla perfezione. Ed è qui che sono rimasto deluso da Wii U”. “Mi sforzo, come designer”, aggiunge, “a pensare a come useremo questo secondo schermo”. C’è senza dubbio un’aria di sfida tra le offerte di Nintendo e Microsoft, ed è improbabile che il “secondo schermo” abbia lo stesso impatto del controller di movimento. Mentre l’impatto di una delusione sarebbe minimo per Microsoft, per Nintendo, tuttavia, sarebbe devastante. Ironicamente potrebbe non essere stata Microsoft ad aver fatto crollare Nintendo, potrebbe essere stata Nintendo stessa-

Cosa ne pensi? Lascia un commento