Microsoft permetterà agli utenti di Windows 8 Pro di declassare i loro nuovi PC a Windows 7 o Vista, secondo l’accordo di licenza del sistema operativo. Non a caso, gli utenti non possono effettuare il downgrade a l’ancora usato-ma-previsto-per-pensionamento di Windows XP. Diritti di downgrade – che permettono ai clienti sostituire una versione più recente di Windows con una vecchia edizione senza pagare per due copie – sono disponibili solo in Windows 8 Pro. Che si adatta alle pratiche del passato: solo Windows 7 Professional, ad esempio, sono stati assegnati diritti di downgrade. “Invece di utilizzare il Windows 8 Pro, è possibile utilizzare una delle seguenti versioni precedenti: Windows 7 Professional o Windows Vista Business”, afferma il contratto di licenza del software per la versione di Windows 8 Pro che saranno installati i produttori di computer (OEM ) sui nuovi PC. Windows XP Professional, che è stato uno dei declassamenti consentiti per Windows 7 Professional, non è stato nominato. Windows XP cadranno lista di supporto di Microsoft nel mese di aprile 2014. Un esperto di licenze notato XP era assente ingiustificato. “Quindi non diritti di downgrade a XP. Si noti inoltre che la prima a venire-Office 2013 non supporterà XP. Così possiamo vedere che stanno cercando di strangolare la vita di XP”, ha detto Kenny Chan, specialista di tecnologia per la CDW, nel messaggio all’inizio di questo mese su un filo di LinkedIn dedicato ai professionisti delle licenze Microsoft. “Quello che non so è quanto tempo Microsoft manterrà XP disponibili per il download su VLSC per i clienti con contratto multilicenza dopo il debutto di Windows 8,” Chan ha aggiunto. VLSC (Volume License Service Center) è il portale on-line per le aziende che hanno sottoscritto contratti multilicenza con Microsoft. A differenza dei consumatori o le piccole imprese, le imprese armati di accordi di licenza aziendali, tra cui la rendita-come Software Assurance, è possibile effettuare il downgrade da qualsiasi versione di Windows a ogni edizione precedente. Diritti di downgrade è diventato degno di nota dopo Windows Vista per il 2007 il lancio, quando molti utenti, frustrati i problemi che Edition, si ammutinarono e caduto di nuovo a XP . Tradizionalmente, i diritti di downgrade sono disponibili solo dalle copie OEM di Windows, quelle che sono pre-installati da produttori di computer. Sembra essere lo stesso con Windows 8: La licenza software per la versione finale di Windows 8 Pro omesso la sezione downgrade. Come nel caso di diritti di downgrade precedenti, il cliente è responsabile per ottenere il supporto di installazione per il sistema operativo precedente. “Né il produttore o l’installatore, né Microsoft, è obbligata a fornire versioni precedenti a te”, si legge il contratto di licenza. “È necessario ottenere la versione precedente a parte.” Tuttavia, a meno che le modifiche delle politiche di Microsoft, gli OEM saranno in grado di offrire nuove funzionalità di Windows 8 PC Pro che siano declassati a, per esempio, Windows 7 Professional, in fabbrica. Produttori di computer sarà anche in grado di continuare a vendere Windows 7 PC basati fino a due anni dopo il debutto di Windows 8 – in altre parole, fino a tarda ottobre 2014. Per questi ultimi, i clienti che in seguito desiderano eseguire l’aggiornamento a Windows 8 deve pagare per l’aggiornamento. Questo non è il caso di un PC acquistato con Windows 8 Pro che è stato declassato a Windows 7 Professional (o Vista Business). “In qualsiasi momento, è possibile sostituire una versione precedente di Windows 8 Pro”, si legge contratto di licenza di Microsoft. Fai-da-te declassamenti sarà più complesso con Windows 8, tuttavia, come gli utenti devono prima modificare il BIOS del PC per avviare la cosiddetta “modalità legacy.” Per impostazione predefinita, Windows 8 verrà utilizzato in modalità UEFI (Unified Extensible Firmware Interface) di boot sui nuovi PC per abilitare alcune nuove funzionalità, tra cui Boot sicuro. Notebook, desktop e altri dispositivi basati su Windows 8 Pro sarà in vendita il 26 ottobre

Cosa ne pensi? Lascia un commento