POKERMANIACI, ecco la grande novità: da qualche giorno ormai si può grindare su Pokerstars.it anche se non si ha a disposizione un pc o un Mac. Pokerstars, infatti, in collaborazione con iTunes, lo store dover si possono scaricare le applicazioni per melafonini e tablet della Apple, ha rilasciato una release grazie alla quale è possibile giocare a soldi veri anche su iPhone e Ipad. E, nei prossimi giorni, analoga operazione sarà fatta anche per i tablet e gli smartphone targati Android.

 

SPERIMENTAZIONE OK Dopo un primo periodo di sperimentazione in cui era possibile giocare solo nella modalità “play money”, ossia con soldi finti, ora si può anche accedere alla sezione “real money” ossia giocare con soldi reali. Basta con le chiavette e i pc alla posta o in metropolitana o sul treno, dunque: con un semplice click, infatti, è possibile iniziare a giocare sit&go, tornei muti-table o cash game.

 

NESSUN PROBLEMA A MULTITABLARE Molti di voi staranno pensando: «Ma io a casa gioco contemporaneamente 4 tavoli. Posso fare lo stesso anche su iPhone o Ipad?». La risposta è semplicissima: certo! Pokerstars.it infatti ha lanciato un programma all’avanguardia, che ti permette di passare, con un solo gesto del dito, da un tavolo a quell’altro, portando ogni volta in primo piano il tavolo in cui si è chiamati all’azione.

 

ALL’AVANGUARDIA Per gli appassionati di Texas Hold’em si tratta di una svolta epocale: mai più corse a casa dal lavoro per riuscire a iscriversi all’ultimo minuto a un torneo a cui si vuole partecipare, ma un solo semplice gesto per riuscire a entrare nel mondo di Pokerstars. Non stupitevi, dunque, se, per ingannare l’attesa dovuta a una coda, dal medico o in banca, sentirete che il tablet o lo smartphone del vostro vicino emettono i tipici rumori che sentite quando giocate a casa in salotto. Significherà solo che, qualcuno, sta provando a trovare la Pokerstar che è in lui durante un ingorgo oppure mentre aspetta di essere visitato dal medico di base. Sì, perché ogni momento è giusto per giocare a poker online.,

Cosa ne pensi? Lascia un commento